Warning: DOMDocument::loadXML(): Start tag expected, '<' not found in Entity, line: 1 in /web/htdocs/www.tertulias.it/home/wp-content/plugins/premium-seo-pack/modules/title_meta_format/init.social.php on line 475
Lug 8, 2014

Inserito da in Autori | 0 Commenti

George McGeorge

George McGeorge

Sono nato a Firenze nel 1966, così gli altri tre fratelli più grandi di me. Mio padre era un carabiniere d’origine stabiese, provincia di Napoli. Mise su famiglia nella città che, durante il Basso Medioevo, era governata dai Medici.

         Operava alla Scuola Sottufficiali, caserma situata proprio di fronte alla stazione dei treni di Firenze e vicino alla chiesa di Santa Maria Novella.

         Abitavamo in periferia, quartiere Baracca. Al contrario di tanti che abitavano in centro, dove l’acqua dell’Arno, durante l’alluvione dello stesso anno, raggiunse anche i cinque metri, subimmo anche noi l’allagamento ma, per fortuna, solo mezzo metro. Vi erano semi–sommerse le due nostre FIAT di allora: una 850 e una 600.

         Mio padre, appassionato e insegnante di fotografia, aveva il suo piccolo laboratorio nel sotterraneo. Lo dovette rappezzare con stracci perché l’acqua non filtrasse e danneggiasse tutte le sue apparecchiature e vasche per sviluppo e fissaggio.

         Nel 1970 mio padre si congedò dai carabinieri dopo ventitré anni di servizio nell’Arma. Fu assunto, come impiegato, nella stessa compagnia dove lavoro io adesso.

         Traslocammo in provincia di Bologna; nei primi due anni in centro al piccolo paese e, dal 1972, nella casa di campagna attuale dove vivo tuttora con la mia odierna famiglia di quattro membri: moglie, bimba e bimbo, due cani, un numero infinito di gatti, fagiani e lepri libere tra i campi.

         Ad appena otto anni, convalescente da un incidente personale, mi appassionai della macchina da scrivere e, da quel momento, imparai a usarla. Scoprii che era bello, per me, battere sui tasti e riempire tanti fogli con scritte di fantasia e, verso i dodici anni (nel 1978) capii che mi piaceva produrre romanzi con tutta la mia possibile creatività, anche a mano.

         Fu nel 1976, a dieci anni, che iniziai a scrivere il primo romanzo. Dopo tante sofferenze e uguali interruzioni, lo completai nel 2006. Ora spero di diventare scrittore a livello professionale e, anche, sceneggiatore. Chissà?

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Widgets powered by AB-WebLog.com.